Buon Santo Natale

     «Dove stanno andando su questo felice viale alberato? / Tutte le persone in cui mi sono imbattuto sembrano non saperlo. / La città si presenta come una scatola di giocattoli, come un gioco di prestigio: / brillante e scintillante, come per ingannare, come se volesse nascondere qualcosa.» Così cantava un gruppo musicale due anni fa in una canzone dedicata proprio al Natale. Non sembra sia cambiato molto nel frattempo: le vie continuano ad essere addobbate con luminare e le vetrine dei negozi sono più stucchevoli della glassa sul pandoro, pure la gente a guardarsi attorno non è mutata affatto.

     Proviamo a fermare un passante e chiediamogli “A Natale tu, che cosa festeggi? Perché ti dai tanto da fare?”, le risposte saranno sorprendenti e abbatteranno il morale anche del più virtuoso tra noi. Ben che vada verrà citato il cenone, per il resto parrebbe proprio che con un colpo di mano la città prestigiatore abbia rimosso il vero significato, ingannandoci appunto. Chi sarebbe in grado di sorridere per davvero, immerso in questa illusione?

     Una buona medicina a questo sonnambulismo non si ha con buonismi dolciastri e politicamente corretti: tentare di mettersi l’animo in pace con una vuota solidarietà che va tanto di moda è un rimedio peggiore del male, perché uccide lentamente proprio quella spinta che dovremmo scuotere e rinvigorire. Quando una persona è colpita da attacco cardiaco, il medico non massaggia dolcemente il petto del malcapitato.

     L’unica salvezza che abbiamo per evitare una prematura fine alla nostra anima è fermarci almeno un attimo e chiederci seriamente: per chi stiamo facendo tutto? Svolgo bene il mio lavoro per quale motivo? Se vedo un barbone passo via, mi limito ad una carità di facciata oppure faccio qualche cosa di più serio? Sporcarsi le mani non è gratuito: stanca, richiede molte energie e non porta guadagni materiali, inoltre spesso e volentieri ci costringe a scelte impopolari (ad esempio, convincere una giovane madre a non uccidere il bambino che ha in grembo vi renderà come appestati di fronte alla maggioranza della gente); chi ce lo fa fare allora di seguire colui che ci ha dato la Via per raggiungere la Verità con la nostra Vita?

     Però, preferiremmo davvero una vita egoista, assurda e senza spinte a migliorarci e a migliorare gli altri? Saremmo ancora in grado, guardandoci allo specchio, di sorridere? L’egoista non sorride sincero e l’avaro non corregge fraternamente il fratello, sicché il massimo che possiamo attenderci da loro è un “Buone feste” da calendarietto (rigorosamente laico, ovvio!). “Ti ringrazio, Signore, perché non mi hai fatto come loro”: ne siamo sicuri?

     Che fare allora? L’unico rimedio veramente efficace è uno solo, tramandato di generazione in generazione: pregare affinché «Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio. (Don Tonino Bello)» Tutto il resto è noia, ma «non è bene che vi sia tristezza nel giorno in cui si nasce alla vita il nostro Salvatore, che, avendo distrutto il timore della morte, ci presenta la gioiosa promessa dell’eternità. (S. Leone magno)» Quindi, Buon Santo Natale a tutti voi!

  


Pubblicato su “SEAS in famiglia”, n° di Dicembre 2012

4 commenti

  1. lightswarrior ha detto:

    Esatto, scelsi proprio la traduzione di quel sito perché -perlomeno ad occhio tra le altre proposte- mi sembrava che nel complesso fosse scorrevole e corretta (anche perché, delle volte, mi è capitato di effettuare ricerche simili e di trovare testi in inglese palesemente ricavati da un copia-incolla con google reader…).
    Purtroppo il tedesco non lo conosco, so solamente qualche termine tecnico proprio del gergo filosofico, il che non è molto utile per dialogare (“Ein Aufhebung mit Kritik der Vernunft, bitte!” .asd.); ad ogni modo non stare a preoccuparti, mi metto con calma a cercarne una traduzione.

  2. Harujion ha detto:

    Ciao! Ho cercato il Guestbook ma non l’ho trovato, e nemmeno un indirizzo per mandare una mail, quindi scusami ma ti scrivo qui e non è un caso. Per prima cosa ti ringrazio di leggere il mio blog, e ne approfitto per dire che non mi aspettavo minimamente di trovare i miei amati Bump of Chicken in uno spazio simile! Per questo preferisco lasciare come fonte per trovarmi il mio sito dedicato a loro, sperando che ti possa piacere: http://starbirdsnest.wordpress.com/
    Grazie ancora, e non farti problemi a cancellare questo commento che c’entra poco col resto del blog. Complimenti per come lo curi, a proposito!
    Haru

    1. lightswarrior ha detto:

      Grazie per la visita e per il link! Hai ragione, confesso che non avevo pensato ad una pagina per gli ospiti, mentre credevo d’aver messo la mail da qualche parte; rimedio ora.
      PS: sempre a proposito dei Bump, che ho conosciuto grazie all’anime cui hai dedicato il blog principale, sai se per caso la traduzione dei primi veri di “Merry Christmas” che ho messo all’inizio è corretta? Io mi sono basato su una traduzione in inglese dall’originale giapponese, dato che quest’ultima lingua non la conosco ancora quasi per niente.

      1. Harujion ha detto:

        Se ti sei basato sulla traduzione di loveandcoffee (http://loveandcoffee.livejournal.com/253584.html) ti posso dire di star tranquillo perchè è una traduttrice bravissima e la conosco, ho chiesto anche qualche collaborazione per StarBirdsNest. è italiana! Purtroppo neanche io so il giapponese, l’ho fatto per troppo poco tempo, ma lei ti assicuro che è molto affidabile e lo mastica bene. Grazie di esserti iscritto! Sono felicissima di averti fatto avvicinare a questo gruppo, fuori dal Giappone è molto sottovalutato, ma per fortuna grazie a Tales of the Abyss ha raggiunto più visibilità! (Oltretutto ho avuto una fortuna sfacciata, perchè la mia band preferita ha firmato il tema del mio videogioco preferito…!)
        Grazie ancora!
        Haru
        P.s. Credo che possa interessarti anche una canzone che mi è venuta in mente leggendo il tuo nome: http://www.youtube.com/watch?v=Cz1xvFTNIWU
        Se non trovi la traduzione dal tedesco te la faccio io, s’intitola proprio Guerriero della Luce e ha un testo molto bello)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...