I Domenica d’Avvento – Anno B

Mc 13, 33-37

<p class="has-drop-cap" value="<amp-fit-text layout="fixed-height" min-font-size="6" max-font-size="72" height="80">In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

<p class="has-drop-cap" value="<amp-fit-text layout="fixed-height" min-font-size="6" max-font-size="72" height="80">Questo nuovo anno liturgico che si apre con il Tempo di Avvento ci indica subito l’essenziale, ciò che conta davvero fare: vegliare, essere vigilanti. Queste parole le abbiamo sicuramente sentite molto spesso nelle settimane e nei mesi scorsi, accompagnate da avvertimenti e consigli relativi alla salute personale e pubblica. Oggi, però, il Signore ce le affida per un compito molto più profondo e delicato, assai più importante: bisogna vegliare attentamente sul suo ritorno, sulla sua chiamata, prendendo coscienza che nessuno di noi può avere la benché minima idea di quando il Signore Gesù farà la sua comparsa nelle nostre vite, chiedendoci conto di come le abbiamo spese. Il padrone ci ha lasciato numerosi doni in gestione, le nostre vite fatte per rendergli gloria e per lodarlo nell’aiuto verso il prossimo: sta a noi suoi servi farle fruttare, metterle sempre in gioco, evitando di accasciarsi nell’apatia e nell’insipidità.Questo nuovo anno liturgico che si apre con il Tempo di Avvento ci indica subito l’essenziale, ciò che conta davvero fare: vegliare, essere vigilanti. Queste parole le abbiamo sicuramente sentite molto spesso nelle settimane e nei mesi scorsi, accompagnate da avvertimenti e consigli relativi alla salute personale e pubblica. Oggi, però, il Signore ce le affida per un compito molto più profondo e delicato, assai più importante: bisogna vegliare attentamente sul suo ritorno, sulla sua chiamata, prendendo coscienza che nessuno di noi può avere la benché minima idea di quando il Signore Gesù farà la sua comparsa nelle nostre vite, chiedendoci conto di come le abbiamo spese. Il padrone ci ha lasciato numerosi doni in gestione, le nostre vite fatte per rendergli gloria e per lodarlo nell’aiuto verso il prossimo: sta a noi suoi servi farle fruttare, metterle sempre in gioco, evitando di accasciarsi nell’apatia e nell’insipidità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...