6/1 – Epifania del Signore

Mt 2,1-12

<p class="has-drop-cap" value="<amp-fit-text layout="fixed-height" min-font-size="6" max-font-size="72" height="80">Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

<p class="has-drop-cap" value="<amp-fit-text layout="fixed-height" min-font-size="6" max-font-size="72" height="80">Le antiche genti vengono a rendere omaggio al Re dei giudei, colui che di diritto ha una stella come stendardo e che dovrà essere il pastore del suo Popolo. Le genti pagane, che non conoscono il vero Dio, qui si dimostrano superiori a Israele: infatti, basta loro seguire la retta ragione riflessa nei segni del mondo per arrivare a comprendere come si giunga a Dio, quale sia la strada per poterlo adorare, la gioia di aver finalmente dato un senso a tutto ciò che esiste. Israele avrebbe dovuto essere privilegiato, Dio da sempre si è fatto conoscere e ha lasciato innumerevoli segni espliciti della sua venuta; ma il cuore di Erode e dei suoi sudditi è ormai chiuso all’amore di Dio, nemmeno gli scribi e i sacerdoti custodi del sapere riescono a comprendere. Gesù viene in mezzo ai suoi come re, ed ecco l’oro; come vero Dio, ed ecco l’incenso; ma anche come colui che sacrificherà se stesso per noi, ed ecco la mirra funebre.Le antiche genti vengono a rendere omaggio al Re dei giudei, colui che di diritto ha una stella come stendardo e che dovrà essere il pastore del suo Popolo. Le genti pagane, che non conoscono il vero Dio, qui si dimostrano superiori a Israele: infatti, basta loro seguire la retta ragione riflessa nei segni del mondo per arrivare a comprendere come si giunga a Dio, quale sia la strada per poterlo adorare, la gioia di aver finalmente dato un senso a tutto ciò che esiste. Israele avrebbe dovuto essere privilegiato, Dio da sempre si è fatto conoscere e ha lasciato innumerevoli segni espliciti della sua venuta; ma il cuore di Erode e dei suoi sudditi è ormai chiuso all’amore di Dio, nemmeno gli scribi e i sacerdoti custodi del sapere riescono a comprendere. Gesù viene in mezzo ai suoi come re, ed ecco l’oro; come vero Dio, ed ecco l’incenso; ma anche come colui che sacrificherà se stesso per noi, ed ecco la mirra funebre.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...